Centro Documentazione Immigrati

PROGETTO

CENTRO DI DOCUMENTAZIONE SU IMMIGRATI, ESCLUSIONE SOCIALE E SISTEMA PENALE

L'idea progetto è la costituzione di un Centro di documentazione su immigrati, esclusione sociale e sitema penale, finalizzato alla progettazione e diffusione di buone prassi in materia di inclusione sociale e lavorativa di persone provenienti da percorsi penali, di integrazione e di autonomia degli immigrati, di creazione di una banca dati tecnico legislativa specializzata in tale tema, raccolta di volumi, ricerche e pubblicazioni, assistenza e consulenza verso i soggetti pubblici e privati interessati a queste tematiche. I destinatari dell'iniziativa sono: a) enti pubblici, b) imprese anche del privato sociale, c) associazioni di volontariato e ONG, d) mondo della ricerca, e) studenti e opinione pubblica.

In particolare la sezione relativa agli immigrati si inserisce nel più ampio progetto di un Centro studi e documentazione, formazione e ricerca sul sistema penale e l’esclusione sociale in corso di realizzazione da parte dell’Associazione Antigone, il cui obiettivo è quello di contribuire allo sviluppo del dibattito sull’evoluzione del sistema penale in Italia e in Europa, sul rafforzamento del corpus delle garanzie e dei diritti in tale ambito, unendo alla riflessione giuridica quella rivolta alle problematiche di natura sociale, coinvolgendo saperi e competenze scientifiche diverse. Per il Centro di documentazione l’associazione Antigone ha già ottenuto l’accesso al Sistema Bibliotecario Nazionale SBN del Polo "Treccani - Istituto dell'Enciclopedia Italiana" con la stipula della relativa convenzione.

Con l’allestimento di una sezione documentaristica rivolta al fenomeno dell’immigrazione, l’Associazione Med.eA. si prefigge di rispondere alla crescente esigenza di fornire un qualificato ed aggiornato servizio divulgativo, promuovendo e valorizzando uno spazio di studio e di lavoro, fondato sull’analisi delle pratiche, dei simboli e dei vissuti legati all’universo migratorio.Non un semplice deposito di notizie, ma un centro specifico in grado di correlare e ordinare informazioni, studi e documenti multilingue inerenti all’argomento, in materiali correttamente organizzati e più facilmente fruibili.

Analisi del bisogno

Oggi gli immigrati stanno diventando una componente stabile e sempre più importante della società italiana e l’osservazione delle modifiche nella struttura demografica, sociale ed occupazionale, nel nostro Paese, mette in luce il processo di maturazione e radicamento del fenomeno. A ridosso di questo scenario, la costituzionedi una sezionededicata al fenomeno dell’immigrazione all’interno di un Centro di Documentazione, oltre a costituire un supporto di estremo valore per lo studio del processo di ingresso in un paese straniero, di inserimento, di costruzione e di definizione di nuove politiche identitarie, consente, altresì, un’ ampia attività di diffusione della conoscenza e dell’ informazione sul tema dell’immigrazione. Inoltre, la crescente attenzione nei confronti dell’universo migratorio, da parte di enti pubblici, scuole e centri di formazione, rende necessario l'allestimento ragionato di testi, al fine di creare uno spazio di documentazione specializzato, con l'obiettivo di un suo potenziamento e di una sua valorizzazione come punto di riferimento per una corretta e vasta conoscenza delle cause che inducono all’abbandono della terra di origine per la conquista di un “altrove” migliore. La sezione “Immigrazione”, con il suo obiettivo puntato costantemente sul movimento in entrata di svariate migliaia di collettività di persone, portatrici di elementi culturali, linguistici, sociali e politici nuovi, che spesso determinano una serie articolata e complessa di effetti sulla realtà immediata, dovrà costituire il punto d’incontro tra l’Associazione Med.eA., la città, gli studenti, i ricercatori, gli immigrati stessi e tutti coloro che vorranno approfondire la propria conoscenza sull’immigrazione.

Obiettivi

L’obiettivo finale è quello di costituire, all’interno del centro di documentazione, una sezione specializzata sui temi dell’immigrazione, del sistema penale e l’esclusione sociale che contribuisca a sostenere il dibattito scientifico e che costituisca un punto di riferimento per le ricerche pubbliche e private in tale ambito. All’esperienza maturata in questi anni dall'associazione Antigone, ma che intende porsi in un'ottica di sistematicità e di professionalità in grado di offrire un servizio innovativo sul territorio, si aggiungerà la specificità dell’Associazione Med.eA sui temi dell’immigrazione. In particolare si possono indicare quattro obiettivi specifici e complementari del progetto:

    1. creare un punto di riferimento e scambio per coloro che cercano notizie e dati su tutti gli aspetti della società multiculturale in Italia;

    2. fornire una qualificata consulenza nell’individuazione delle fonti di documentazione, nella loro fruizione e nella progettazione di iniziative formative e culturali, nonché fornire un’ accurata assistenza ad insegnanti, educatori e studenti nella scelta di percorsi interculturali;

    3. offrire un servizio di prestito locale del materiale bibliografico e audiovisivo;

    4. contribuire attraverso l’attività del Centro di documentazione ad un lavoro di ricerca e documentazione, necessaria ovviamente per stimolare una sempre più approfondita discussione sulla questione dell'immigrazione.

Attività

Le attività previste sono: a) stesura e realizzazione del progetto di catalogazione e informatizzazione secondo i criteri del Sistema Bibliotecario Nazionale della documentazione sulle fonti legislative, le ricerche, le pubblicazioni, le buone prassi sui temi di interesse del Centro; b) progettazione, realizzazione e messa in linea del sito internet del Centro di documentazione, fruibile anche da utenti a distanza; c) acquisizione volumi e sottoscrizione abbonamenti riviste scientifiche specializzate.

La finalità progettuale e le relative attività ad essa connesse: a) tendono a rafforzare l'azione di sistema intorno a queste problematiche attraverso la creazione di un centro specializzato accessibile alle istituzioni, al sistema delle imprese, alle associazioni del Terzo Settore, ai cittadini; b) hanno un effetto di sensibilizzazione e di promozione rispetto alle esigenze di inclusione delle fasce più disagiate del tessuto sociale contribuendo a contrastare i pregiudizi di natura psicologica e sociale rispetto a persone detenute, ex detenute e immigrati; c) contribuiscono a rinforzare attraverso le attività di ricerca e documentazione il dibattito scientifico sui temi del sistema penale, escluisone sociale e immigraione e a rafforzare e diffondere le proposte in tal senso.

La struttura della “Sezione Immigrazione”, del Centro di Documentazione, si articolerà in 5 settori: biblioteca; emeroteca; videoteca; fototeca; area degli strumenti didattici.

  • la biblioteca, comprenderà un’ampia catalogazione di testi argomentati per temi: storia dell’immigrazione in Italia; storia dello stato sociale, politico, economico, religioso e culturale dell’Italia, contestualmente al fenomeno migratorio; storia delle comunità migranti (origine, lingua, religione, situazione politica ecc.), presenti in Italia; storia delle religioni; studi e ricerche su “Identità e Diversità”; studi di genere e della condizione femminile nella migrazione; studi sui disagi psico-fisici legati alla condizione di “immigrato”; testi sull’antisemitismo; testi sui percorsi e sui vissuti migratori dei bambini; studi e ricerche sulla mediazione culturale; letteratura prodotta da migranti (racconti, poesie, lettere ecc.); tesi di laurea sul tema dell’immigrazione; studi su stranieri e carcere; legislazione, lavoro e migrazione;

  • l’emeroteca, che includerà una raccolta di riviste, bollettini, notiziari e rassegna stampa sul tema dell’immigrazione;

  • la videoteca, che verrà arricchita di DVD e videocassette, con servizio di prestito ad insegnanti, educatori e studenti. Essa dovrà raccogliere e inventariare un ampio patrimonio audiovisivo, italiano e straniero, sui temi dell’immigrazione, dell’asilo politico, del razzismo, dei diritti umani. La videoteca sarà puntualmente aggiornata con materiali provenienti da emittenti pubbliche e private;

  • la fototeca, che custodirà un’importante antologia fotografica sia cartacea che su supporto digitale, a testimonianza del fenomeno migratorio in Italia;

  • l’area degli strumenti didattici, che sarà dotata di unità didattiche, schede e materiale sul tema dell’immigrazione utilizzabili da insegnanti, educatori e studenti.

Risultati attesi

I risultati previsti sono: a) aumento della conoscenza e del grado di consapevolezza dell'opinione pubblica locale sui problemi dell'inclusione sociale, soprattutto rispetto alle persone provenienti dal mondo della detenzione e sui problemi dell’immigrazione; b) inserimento del Centro in una rete più ampia di soggetti, come Università e Centri di Ricerca per una più ampia analisi e circolazione delle fonti, delle ricerche, delle azioni rispetto al problema dell'inclusione sociale e dell’immigrazione; e) arricchimento del territorio in termini di offerta culturale attraverso l'apertura di un Centro specializzato e innovativo; f) autosostenibilità del progetto anche successivamente alla chiusura del contributo regionale grazie alle azioni di ricerca finanziate e cofinanziate che si svilupperanno intorno al Centro.

L'attività proposta punta a creare un servizio innovativo, nei contenuti e negli strumenti adottati. I punti di forza del progetto sono: a) specificità dell’associazione Med.eA sui temi dell’immigrazione e dell’integrazione multiculturale; b) esperienza plueriennale di Antigone circa la problematica dell'inclusione delle persone detentute ed ex detenute; c) disponibilità di una sede per la realizzazione del progetto; d) disponibilità di un già vasto repertorio documentale; e) professionalità ed esperienza del persone che lavoreranno alla riuscita del progetto.

Tempi e luogo di realizzazione

Il progetto si svolgerà dal primo luglio 2006 al 30 novembre 2006 a Roma in Via Principe Eugenio 31, sede del Centro di documentazione. L’Associazione Med.eA, la cui sede legale e operativa è a Roma in Via Gustavo Modena 95, contribuirà alle spese di affitto della sede del Centro di documentazione.

Promozione e diffusione dell’iniziativa

Per promuovere e diffondere le attività del centro di documentazione verranno realizzate delle brochure e, a fine novembre, sarà organizzato un convegno di presentazione del Centro di documentazione. Sarà data visibilità al Centro di documentazione anche attraverso il sito internet dell’Associazione.

Personale impegnato nella realizzazione del progetto

Susanna Marietti (laurea in filosofia): responsabile del progetto e dell’organizzazione del Centro di documentazione, collaborazione a progetto.

Roberta Bartolozzi (laurea in filosofia e diploma di biblioteconomia e archivistica): collaborazione a progetto part – time per attività di catalogazione dei materiali del Centro di documentazione.

Romina Raffo (laurea in sociologia): attività di progettazione e coordinamento prestata a titolo di cofinanziamento alla realizzazione del progetto da parte dell’Associazione Med.eA.

Stefano de Merich (laurea in lingue e letterature straniere moderne): collaborazione a progetto part – time per affiancamento nell’attività di catalogazione dei materiali del Centro di documentazione.

Svitlana Kovalska (laurea in lingua e letteratura russa): collaborazione a progetto part – time per attività di consulenza, visione e scelta del materiale relativo ai temi dell’immigrazione.

Giuseppina Trimboli (laurea in antropologia): collaborazione a progetto part – time per attività di consulenza, visione e scelta del materiale relativo ai temi dell’immigrazione.

Roma, 21 giugno 2006

 

Categories